Tracker/Strategic Certificate

 

Caratteristiche

I Tracker Certificate e gli Strategic Certificate sono prodotti di investimento che rientrano nella classificazione ACEPI degli “Strumenti a Capitale Non Protetto”, nella categoria dei “Tracker/Benchmark Certificate”. 

Replicano linearmente, in linea di principio, la performance dell’indice
tematico/settoriale sottostante composto da un paniere di titoli che
tendenzialmente conta tra le 10 e le 20 componenti.

Sono adatti per gli investitori alla ricerca di opportunità di
investimento di medio-lungo termine su temi o settori promettenti.

Non presentano alcun tipo di effetto leva.

Non presentano Floor, ovvero barriere di protezione al ribasso: se l’indice sottostante si azzera, l’investitore perde l’intero capitale investito.

Non presentano Cap, quindi non ci sono limiti ai rendimenti positivi ottenibili dal Certificate.

Non pagano premi intermedi: il rendimento è dato esclusivamente dall’incremento del prezzo del Certificate. I dividendi e altre distribuzioni vengono reinvestite nell’indice sottostante. In particolare ogni dividendo andrà ad essere reinvestito nella medesima azione che lo ha distribuito.

Sono prodotti negoziabili su segmento SeDeX di Borsa Italiana. Questo assicura la quotazione in tempo reale, la possibilità di acquisto e vendita presso qualsiasi banca o broker, nonchè la presenza di un Market Maker che ne garantisce la liquidità al netto di uno Spread Denaro – Lettera durante gli orari di apertura del mercato SeDeX (dalle 09:05 alle 17:30).

 

Funzionamento

Il payoff è dato dal rialzo del sottostante. Il rendimento ottenibile dall’investitore è dato dalla differenza tra il prezzo di vendita o prezzo ottenuto alla scadenza e il prezzo di acquisto o sottoscrizione.

 

Sottostante

L’attività finanziaria sottostante dei Tracker/Strategic Certificate può essere costituito da un sottostante "standard" come un indice azionario o materia prima, oppure può essere costituito da un indice tematico, ossia un indice legato ad un tema/settore o strategia di investimento.

In quest'ultimo caso, l’indice è costruito e calcolato da un Index Provider e replica 1:1, al netto di una commissione di gestione (e/o commissione di performance), la performance di un basket azionario, selezionato sulla base del tema/settore o strategia di investimento scelte.

Processo di selezione

Le azioni componenti l'indice sottostante possono essere selezionate tramite gestione attiva - è questo il caso degli Strategic Certificate - oppure tramite gestione passiva - è questo il caso dei Tracker Certificate standard.

La gestione passiva e dinamica dei Tracker Certificates

Nel caso dei Tracker Certificates standard, lo stock picking è effettuato tramite gestione passiva: l’Index Provider fornisce delle linee guida, ossia un insieme di criteri predeterminati, descritti nel documento “Index Guidelines”, reperibile sul sito dell’Index Provider, che verranno utilizzati per la selezione delle azioni componenti l'indice sottostante al momento di lancio del prodotto e per il ribilanciamento periodico.

Tali criteri possono riguardare l’attività chiave o principale dell’impresa, i suoi indicatori finanziari e non finanziari, la sua quotazione su un mercato regolamentato, la capitalizzazione di borsa e la liquidità. Tale fase di analisi permette di attribuire ad ogni azione selezionata un punteggio. Le aziende con i punteggi più elevati entreranno a far parte delle componenti dell'indice tematico.

La gestione attiva degli Strategic Certificates

Nel caso degli Strategic Certificate lo stock picking è effettuato da un Index Sponsor o Index Advisor che sceglie discrezionalmente le aziende da includere nell’indice sottostante, rispettando i parametri ed i filtri stabiliti in fase di emissione dall’Index Provider, reperibili nel documento "Index Guidelines".

Ribilanciamento

Sia i Tracker Certificate che gli Strategic Certificate sono soggetti ad un processo di ribilanciamento, ovvero una revisione periodica della composizione dell’indice.

- Se il prodotto è un Tracker Certificate standard, l’Index Provider conduce un’analisi seguendo le regole e criteri specificati nelle linee guida ed attribuisce ad ogni azione un punteggio. Seleziona quindi le aziende con i punteggi più elevati.

- Se il prodotto è uno Strategic Certificate, l’Index Sponsor o Index Advisor sceglie in maniera discrezionale le aziende da inserire nell’indice tematico, rispettando sempre i parametri ed i filtri stabiliti in precedenza dall’Index Provider.

 

Differenze con gli ETF

 Le principali differenze tra Tracker/Strategic Certificate e ETF sono le seguenti:

- I Tracker/Strategic Certificate non presentano alcun effetto leva

- I Tracker/Strategic Certificate non hanno il vantaggio della separazione patrimoniale (l’investitore si assume il rischio di insolvenza dell’emittente).

- Da un punto di vista fiscale, i Tracker/Strategic Certificate sono soggetti all’imposta sostitutiva del 26%, con la possibilità di compensazione di plus e minusvalenze nell’arco dei quattro periodi d’imposta successivi a quello considerato (nel caso degli ETF, tali minusvalenze non sono invece compensabili).

-  Nel caso degli ETF, il prezzo di mercato è determinato invece dalle forze della domanda e dell’offerta e può differire, a volte, dal NAV (Net Asset Value) che rappresenta il valore “equo” del portafoglio sottostante. A differenza degli ETF, il prezzo di mercato dei Tracker/Strategic Certificate riflette direttamente il valore dell’Indice sottostante al netto di un margine, più comunemente noto come spread denaro-lettera, applicato dal market maker (Bank Vontobel Europe AG). In sintesi, il prezzo di mercato ed il NAV coincidono sempre per un Tracker Certificate.

 

Differenze con i Fondi Comuni d’Investimento

Le principali differenze tra Tracker/Strategic Certificate e Fondi Comuni di Investimento sono le seguenti:

- Da un punto di vista fiscale, i Tracker/Strategic Certificate sono soggetti all’imposta sostitutiva del 26%, con la possibilità di compensazione di plus e minusvalenze nell’arco dei quattro periodi d’imposta successivi a quello considerato (nel caso dei fondi, tali minusvalenze non sono invece compensabili).

- I Tracker/Strategic Certificate non presentano alcuna commissione di entrata o di uscita.

- I Tracker/Strategic Certificate sono quotati su una borsa di riferimento e, grazie alla presenza del Market Maker, sono considerati maggiormente liquidi.

- I Tracker Certificate standard non hanno alcun elemento tipico della gestione attiva, il basket azionario sottostante viene selezionato e ribilanciato sulla base di regole e criteri predeterminati. Gli Strategic Certificate sono invece caratterizzati dalla gestione attiva: l'Index Sponsor sceglie discrezionalmente le imprese da inserire all'interno dell'indice.

 

Trattamento Fiscale

Come tutti i Certificati, i Tracker/Strategic Certificates sono caratterizzati da efficienza e agevolazione fiscale. I redditi generati dai Certificati sono da considerarsi a tutti gli effetti redditi diversi e per questo sono soggetti all'imposta sostitutiva del 26% sul Capital Gain (dal 1 luglio 2014 in luogo del precedente 20%) con possibilità di compensazione delle plus e minusvalenze maturate entro il quarto anno antecedente.

 

Vantaggi

- I Tracker/Strategic Certificates offrono la possibilità di diversificare il proprio portafoglio e investire su temi attrattivi o settori normalmente non accessibili direttamente sul mercato.

- Sono efficienti in termini di costi: con una sola transazione, consentono di investire su un indice tematico senza dover acquistare ogni singolo titolo presente all’interno dell’indice.

- Possono essere negoziati anche in una singola unità (1 Certificate), consentendo agli investitori di operare anche con importi ridotti.

- Sono prodotti negoziabili su segmento SeDeX di Borsa Italiana. Questo assicura la quotazione in tempo reale, la possibilità di acquisto e vendita presso qualsiasi banca o broker, nonchè la presenza di un Market Maker che garantisce la liquidità al netto di uno spread Denaro – Lettera durante gli orari di apertura del SeDeX (dalle 09:05 alle 17:30).

 

Rischi

- Rischio di mercato: le crisi economiche, l’arrivo di nuovi concorrenti e i cambiamenti congiunturali potrebbero influenzare negativamente il prezzo delle azioni componenti l’indice sottostante e, pertanto, il prezzo dei Tracker Certificate, con conseguente perdita parziale o totale del capitale investito.

- Rischio di cambio: l’eventuale valuta diversa dall’Euro in cui potrebbero essere quotate le azioni componenti gli indice sottostanti potrebbe modificare il suo valore relativamente all’Euro, influenzando il prezzo dei Tracker Certificate.

- Rischio emittente: l’eventuale impossibilità dell’emittente (Vontobel Financial Products GmbH, garantita da Bank Vontobel AG) di garantire i prodotti potrebbero risultare in una perdita parziale o totale del capitale investito.

- Rischio di liquidità: il Market Maker si impegna a fornire i prezzi subordinatamente a normali condizioni di mercato, senza assumere alcun impegno giuridico nei confronti dell’investitore. In caso di condizioni straordinarie o di mercati estremamente volatili, il Market Maker non fornirà alcun prezzo.

 

Scadenza

- Con riferimento ai Tracker/Strategic Certificates legati a temi di investimento, la decisione su quale scadenza assegnare al prodotto dipende dalla previsione, da parte degli esperti Vontobel, del tempo necessario per la crescita e sviluppo del mega-trend su cui si sta investendo. Nel caso di Tracker Certificate standard, gli esperti considerano anche il lasso di tempo per il quale le regole e i criteri di selezione azionaria possano considerarsi ancora efficienti ed efficaci per il tema selezionato.

- Pertanto, alcuni prodotti avranno scadenza a cinque anni (Mercati Digitali, Batterie a Litio, Silver Society), altri a dieci anni (Tecnologia 5G) e altri saranno Open-End (Terapia Genica, tecnologia Blockchain, Belt and Road).

- Alla chiusura del mercato, ovvero alle 17.30, della Data di Scadenza o Data di Valutazione, il Tracker Certificate avrà un determinato prezzo. Tale valore, decurtato della Commissione di Gestione (e/o eventuale Commissione di Performance), è l’importo che viene trasferito automaticamente in contanti all’investitore alla Data di Liquidazione, solitamente fissata 5 giorni lavorativi dopo la Data di Scadenza. La valuta in cui verrà ricevuto il pagamento è quella di quotazione del prodotto, e in particolare, per i prodotti attualmente quotati, è l'Euro.

 

Costi e Commisioni

Le voci di costo di un Tracker/Strategic Certificate sono due e sono chiaramente identificabili dall’investitore:

1) Commissione di gestione (e/o Commissione di performance)
L’unica commissione applicata sui Tracker/Strategic Certificates attualmente quotati è una fee di gestione annua ("Management fee") che va tra l’1% e l’1,5%, a seconda del prodotto selezionato. La commissione di gestione va a remunerare l’Emittente, il Gestore dell’Indice o Index Provider e l’Advisor dell’Indice sottostante.

2) Spread
Le pricipali variabili che influenzano il valore dello Spread sono le seguenti:

- Liquidità del sottostante: maggiore è la liquidità del sottostante (numero di scambi/capitalizzazione di mercato delle azioni componenti l'indice), minore è lo spread..

- Volatilità del sottostante: maggiore è la volatilità, maggiore è lo Spread.
- Prezzo in valore assoluto del Certificate: maggiore è il prezzo in valore assoluto, minore è lo Spread.
- Eventi che influenzano il prezzo del sottostante, sia di natura ordinaria che straordinaria: pagamento dei dividendi, mercato di riferimento chiuso in via straordinaria, etc.

 

Altre domande?

Visita la sezione del sito dedicata alle domande frequenti sui Tracker e Strategic Certificate e scarica la brochure dedicata.

Brochure      FAQs - Domande Frequenti

Non trovi risposte alle tue domande? Contattaci telefonicamente o per email. I nostri esperti sono disponibili tutti i giorni di mercato aperto, dalle 08:00 alle 18:00.

Numero verde gratuito: 800 798 693

E-mail: certificati@vontobel.com