DOW JONES Industrial sui massimi, Wall Street aspetta Trump

DOW JONES Industrial sui massimi, Wall Street aspetta Trump

martedì 20 dicembre 2016

COMMENTO

 

La Federal Reserve la scorsa settimana ha alzato il costo del denaro di 25 punti base* ed ha indicato di voler procedere nei prossimi 12 mesi con tre rialzi dei tassi (anziché due come stimato dagli analisti). Con questa mossa l’istituto presieduto da Janet Yellen è di fatto l’unico fra quelli dei Paesi sviluppati ad aver intrapreso un percorso di normalizzazione dei tassi d’interesse. Il cambio di passo espresso dalla Fed si è riflesso immediatamente sulle quotazioni finanziarie. I rendimenti dei titoli di Stato hanno proseguito la strada dei rialzi già intrapresa nel mese di novembre dopo l’elezione di Donald Trump alla casa bianca, così come il Dollar Index ha approfittato dell’assist offerto dalla Fed per aggiornare i nuovi massimi a 103,56 punti*. Anche nel comparto azionario il Dow Jones Industrial è salito sui nuovi massimi assoluti a 19.966,43 punti*. Ciò che ha convinto i mercati è stata la risolutezza con cui il Fomc (Federal Open Market Committee) ha accordato la decisione. Infatti le misure monetarie sono state varate all’unanimità dal consiglio della banca, evento che ha valorizzato ancor di più le stime sulla crescita economica annunciata dalla Yellen nel corso della conferenza stampa. Con una crescita del Pil 2017 rivista al rialzo all’1,9%*, dal precedente +1,8%*, le previsioni degli analisti vanno nella direzione di un “surriscaldamento” della prima economia del mondo. Tutto questo alla luce della variabile politica, con l’insediamento di Donald Trump alla Casa Bianca che farebbe propendere verso uno scenario inflazionistico molto forte. Se da un lato i mercati potrebbero beneficiare del cambio di passo economico promesso da Trump in campagna elettorale, dall’altro l’eccessivo rafforzamento del biglietto verde potrebbe rappresentare un freno alle esportazioni per i grandi gruppi internazionali, che rappresentano la maggioranza all’interno dei listini azionari di Wall Street.

                                                                                                                                                                                *Fonte dati: Bloomberg

 

 

ANALISI TECNICA DOW JONES Industrial

 

Ultimo prezzo Media mobile 5 giorni  Media mobile 50 giorni  RSI 14 giorni  VAR. % 5 anni

19.883,00

 19.839,16  18.729,90 79,04 68,91

 

 

 

 

 

 

Nel mese di dicembre il quadro tecnico del Dow Jones Industrial è migliorato ulteriormente, con le quotazioni che hanno aggiornato i massimi assoluti a 19.966,43 punti. Il movimento rialzista ha messo a segno un’accelerazione che di fatto ha confermato le indicazioni positive giunte il 10 novembre scorso con la violazione delle resistenze statiche a 18.668 punti e psicologiche a 19.000 punti. E’ da allora che il basket è uscito dal trading range delimitato superiormente dalle resistenze precedentemente descritte. Date queste premesse rimane da valutare se l’indice troverà la forza per superare la coriacea resistenza a 20.000 punti oppure si avrà un periodo di consolidamento necessario a scaricare le pressioni in acquisto. In questo quadro, strategie long possono essere strutturate con acquisti su ritorni a 19.527 punti, stop stretto a 19.500 punti e target a 20.000 punti. Al ribasso, ingressi in vendita a 19.757 punti hanno target a 19.275 e 19.150 punti con stop posizionato a 19.950 punti.(Tutte le date e i dati numerici nel testo di cui sopra sono tratti da Bloomberg).

 

 

 

 

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER, CLICCA QUI

04/12/2020 06:46:31

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori