Debolezza in vista per le quotazioni del natural gas?

Debolezza in vista per le quotazioni del natural gas?

martedì 30 agosto 2016

Commento

 

L’estate ha abbondantemente superato il giro di boa: il bilancio, fino ad ora, è di una stagione abbastanza nella media. Il clima meno caldo che caratterizzerà il prossimo mese dovrebbe ridurre fisiologicamente la domanda di Natural Gas, inducendo un aumento delle scorte che con le forniture mantenute al di sopra della media, potrebbe rappresentare una pressione ribassista sulle quotazioni. Tuttavia fino ad ora il sentiment sulle negoziazioni del natural gas è ancora supportato da dati positivi sulle scorte. La scorsa ottava i prezzi del natural gas hanno registrato un incremento sui 5 giorni pari all’11%, la percentuale più alta registrata dallo scorso aprile. Il rally è stato alimentato dalla pubblicazione dei dati Eia (l’Autorità energetica degli Stati Uniti) che hanno riportato un rallentamento nella crescita delle scorte del prodotto. Nella settimana al 19 agosto le scorte di Gas naturale statunitensi sono cresciute di 11 miliardi di piedi cubi. Il dato è stato decisamente inferiore ai +22 miliardi stimati dagli analisti ed ha portato il future con consegna ottobre di spingersi sino a 2,876 dollari per milione di Btu (British termal unit). Il totale degli stock si attesta a 3.350 miliardi di piedi cubi, 275 miliardi in più rispetto a un anno fa e +350 miliardi sopra la media a cinque anni. Gli investitori sono convinti che il surplus minore della media dei mesi precedenti potrebbe sostenere ulteriormente i corsi della risorsa naturale, tesi avvalorate anche da un quadro tecnico orientato al rialzo.

 

 

Analisi Tecnica

 Ultimo prezzo Media mobile 10 giorni  Media mobile 50 giorni  RSI 14 giorni 
 2,85  2,82  2,74  59,89

 

Quadro tecnico interessante per le quotazioni del Natural Gas che con la chiusura di giovedì 25 agosto hanno violato al rialzo la resistenza dinamica espressa sul grafico giornaliero con i top decrescenti dell’1 e 29 luglio 2016. Detta violazione ha trovato immediata conferma nella seduta del venerdì successivo. Il rally che ha portato a queste violazioni ha preso avvio in area 2.535 dollari, in seguito ad un doppio segnale di forza, originato dal rimbalzo avvenuto sui supporti statici di area 2.528 dollari, area dove era in transito il supporto dinamico di lungo periodo, generato con i minimi crescenti del 7 marzo e 19 maggio. Nella settimana ora in corso sarà necessario un test del cambio di stato della trendline prima descritta, da resistenza a supporto dinamico. In questo quadro è possibile attuare strategie rialziste che vedrebbero ingressi in acquisto sul future a 2.875 dollari. Strategie di questo tipo avrebbero come target primario i 2.910 e target finale i massimi di periodo a 2.990 dollari, unica barriera che potrebbe far da contrasto al raggiungimento di quota 3.000 dollari. Solo un ritorno al di sotto della trendline prima descritta, con conferme che arriverebbero a 2.720 dollari, potrebbero portare ad un’inversione della strategia, con target al ribasso posizionati a 2.600 e 2.530 dollari.

 

Strategia Long

Acquisti a 2.875 dollari avrebbero come target 2.990 dollari. Stop al cedimento dei 2.750 dollari.

Strategia Short

Ingressi short a violazione di 2.720 dollari, con stop su accelerazioni oltre i 2.800 dollari, avrebbero target a 2.530 dollari.

 

 

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER, CLICCA QUI

10/12/2019 04.07.41

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori