Fiat FCA: le sfide di Marchionne per il futuro

Fiat FCA: le sfide di Marchionne per il futuro

martedì 20 settembre 2016, 1 commento

Commento

 

Azzerare il debito prima del 2018 e tornare al dividendo possibilmente già nel 2017. Sono gli obiettivi dichiarati di Sergio Marchionne, amministratore delegato di Fiat Chrysler Auto, che lo scorso aprile aveva aggiunto “Già a fine 2016 saremo cash positive”. I piani per raggiungere questo ambizioso obiettivo non mancano all’Ad: dallo scorso agosto sono aperte diverse trattative circa la possibile cessione dell’azienda di componentistica Magneti Marelli. Secondo diverse indiscrezioni fra i possibili pretendenti figurano Samsung e diversi fondi di private equity internazionali. Anche se il gruppo coreano sembra interessato solo a un perimetro ristretto dell’azienda di Sesto S.G. il manager di Fca non sembra propenso a chiudere operazioni con gruppi finanziari, preferendo come già in passato accordi con partner strategici. In questo quadro Fca continua a sovraperformare il mercato dell’auto: ad agosto ha evidenziato una crescita delle immatricolazioni in Europa del 20,4%, contro una crescita del mercato del +9,5%. Nei primi otto mesi dell’anno le registrazioni del gruppo sono state 677 mila, il 15,5 per cento in più nel confronto con l’anno scorso, con una quota del 6,7%, in crescita di 0,4 punti percentuali. Tutto ciò mentre sarebbe allo studio del management una possibile partnership con il gruppo cinese Baic con la finalità di potenziare la presenza in Cina, dove è già presente attraverso la joint venture con il gruppo Gac, in essere dal 2010. Gli analisti sono divisi sul titolo: secondo le stime di Bloomberg il target price medio delle stime degli esperti è a 7,46 euro, contro un prezzo di borsa che venerdì si fissava a 5,76 euro. A non convincere del tutto il mercato sono le possibili criticità legate a indiscrezioni (tutte da verificare) su un possibile caso di manomissioni. Secondo il Ministero federale dei trasporti tedesco, infatti, Fca avrebbe utilizzato un dispositivo illegale per disattivare gli impianti di trattamento dei gas di scarico.

 

 

Analisi Tecnica

 Ultimo prezzo Media mobile 5 giorni  Media mobile 50 giorni  RSI 14 giorni 
 5,75  5,78  6,01  39,46

 

Il 2016 non è stato particolarmente favorevole per l’andamento borsistico di Fca che ha registrato una volatilità superiore alla media di Piazza Affari. Dal quadro tecnico si evince come detta volatilità abbia portato ad oscillazioni anche molto ampie, che hanno portato i corsi a confrontarsi per due volte con i minimi da oltre un anno a 5 euro. Questo livello ha arginato le forze ribassiste sia in occasione della seduta del 9 febbraio che del 6 luglio. I rapidi recuperi che hanno seguito non hanno però mai portato ad un ritorno sui massimi annuali anche perché gli allunghi si sono sempre confrontati con la trendline ribassista espressa sul grafico giornaliero con i top decrescenti del 5 febbraio e 21 aprile, che ha sempre arginato le velleità rialziste sul titolo. In questo quadro diventa interessante capire in che direzione evolverà la dinamica degli scambi sul titolo, anche in considerazione del triangolo in formazione con la trendline dinamica su citata e quella espressa con i minimi del 9 febbraio e 24 giugno. In tal senso i 6 euro diventano un’area strategica importante per implementare strategie rialziste che avrebbero come primo target 7 euro e successivamente i 7,35 euro. Al contrario, discese al di sotto dei minimi di agosto a 5,30 euro, potrebbero significare un deterioramento del quadro tecnico che porterebbe i corsi sui minimi annuali a 5 euro.

 

Strategia Long

Acquisti a 6 euro avrebbero come target i 7.35 euro. Stop al cedimento dei 5,50 euro.

Strategia Short

Ingressi short a violazione di 5,30 euro, con stop su accelerazioni oltre i 6 euro, avrebbero target a 5 euro.

 

 

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER, CLICCA QUI

15/12/2019 10.52.48

 

1 commento

ANTONIO

22. settembre 2016 at 18.24

Osservo il titolo FCA da molti anni, ma trovo veramente anomalo l'andamento del 2016 a causa delle sistematiche diffusioni di notizie negative ogni qualvolta il titolo FCA metteva a segno 3 o 4 sedute consecutive positive in borsa. A parte il tonfo causato dall'effetto domino per lo scandalo della nota casa automobilistica tedesca, se si vanno a verificare i motivi che hanno scatenato i successivi pesanti ribassi, si constata che dietro ad ognuno vi è un comune denominatore: tutte le volte veniva diffusa la notizia di un potenziale scandalo una volta per dati falsati sulle vendite negli USA, un'altra volta per i dati sulla manomissione di centraline in Europa, altre volte, solo per variare la notizia negativa, su azioni di responsabilità a causa di incidenti. A nulla sono valsi i progressi mensili delle vendite di auto per tutto il 2016, a nulla è valsa la distribuzione dei titoli RCS agli azionisti FCA, e fino ad oggi, sembra che non viene nemmeno apprezzata la fusione di La Stampa in Espresso, i cui titoli rivenienti dalla fusione verranno consegnati entro il primo trimestre 2017 pro-quota agli azionisti FCA. Insomma sembra proprio che a qualcuno faccia comodo che il titolo FCA rimanga sotto i 6 euro.

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori