Fiat-Fca: prove generali per un futuro matrimonio in borsa

Fiat-Fca: prove generali per un futuro matrimonio in borsa

martedì 29 agosto 2017

I riflettori del mercato si sono accesi su Fca la scorsa settimana, a seguito dell’interesse esplicitato ufficialmente dai cinesi di Great Wall Motor (GWM) per acquisire il marchio Jeep.

 

COMMENTO MACRO

La volontà espressa dai cinesi è quella di divenire nel giro di qualche anno leader mondiale nel mercato dei Suv e il marchio Jeep rappresenta una pedina fondamentale per muovere il grande passo in questa direzione, anche se dal Lingotto hanno fatto sapere che con il gruppo cinese al momento non c’è stato alcun contatto. Questo flusso di notizie ha tuttavia suscitato fra gli analisti la convinzione che l’appeal da M&A sarà tra i principali driver per la crescita di Fca in Borsa nel prossimo futuro anche se difficilmente il gruppo dell’amministratore delegato Sergio Marchionne potrà chiudere un accordo nel breve periodo visto il forte impegno nell’ implementare il piano industriale entro la scadenza del suo mandato prevista per fine 2018. Ricordiamo che all’interno del piano vi sono obiettivi ambiziosi anche per Jeep, che dovrebbe raggiungere a fine piano il target di 2 milioni* di veicoli venduti nell’anno. Fra le altre cose Marchionne non ha mai celato la possibilità di procedere ad un’operazione di scorporo di alcuni marchi del gruppo così come fatto per Ferrari, con la finalità di estrarne ulteriore valore. In questo quadro, sono in molti gli analisti che sostengono che una volta raggiunti i target del piano e completati gli scorpori dei marchi di lusso (Maserati e Alfa) e della componentistica (Magneti Marelli e Comau), Fca sarà la sposa ideale per un produttore statunitense, con un accordo che non alimenterebbe problemi politici, mentre l’amministrazione Trump difficilmente avallerebbe l’ipotesi di un passaggio di Jeep ai cinesi.

*Fonte dati:

Bloomberg Finance L.P., fonti societarie

ANALISI TECNICA

Performance da un anno

La scorsa settimana Fca ha disegnato una fiammata rialzista molto importante, in quanto ha consentito al prezzo di aggiornare un importante record assoluto a 12,92 euro. Con questo movimento sono stati confermati i segnali di acquisto già emersi lo scorso luglio, quando Fca ha violato al rialzo la resistenza dinamica espressa sul grafico giornaliero dai top decrescenti del 15 febbraio e 26 aprile scorso e il cui cambio di stato da resistenza a supporto è stato testato il 21 luglio e l’11 agosto scorso. In questo quadro il titolo ha inoltre rotto le coriacee resistenze statiche comprese fra 10,74 e 11 euro, un’area che ora potrebbe fare da base di scarico nell’imminente futuro e favorire una solida base di accumulo utile a far ripartire il titolo in direzione dei territori inesplorati oltre 13 euro per azione. L’insieme di questi elementi propende dunque per un possibile ritracciamento ribassista di breve cui potrebbe poi seguire una ripartenza rialzista ancor più robusta della precedente.

Performance da inizio quotazione

 

ULTIMO PREZZO MEDIA MOBILE 5 GIORNI  MEDIA MOBILE 50 GIORNI  RSI 14 GIORNI  VAR. % 5 ANNI

12,43

12,16 10,57 38,39 41,73

 

 

   

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER


CLICCA QUI PER ISCRIVERTI


09/12/2019 02.50.17

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori