Il commento di Tony Cioli Puviani: "Ma quando tornerà la direzionalità?"

Il commento di Tony Cioli Puviani: "Ma quando tornerà la direzionalità?"

lunedì 5 ottobre 2020 da Tony Cioli Puviani

In un eccellente articolo del 2016 Enrico Stucchi scriveva: Misurare, nel trading, è utile per aiutare a comprendere la natura del mercato. Nel suo obiettivo di essere profittevole, il trader predilige la tendenza, ama il break-out e la volatilità perché, ad occhio nudo, percepisce meglio la lunghezza di un trend rispetto alla somma delle lunghezze dei “non trend”. Ma la somma delle lunghezze dei "non trend” è di gran lunga superiore a quella dei trend, quindi il trader che ragiona e si basa su quello che sa e non sulle illusioni di quello che vede, dovrebbe cercare di sfruttare al massimo le fasi di trading range. Il che non significa affatto che la frase “trend is your friend” non sia vera, ma che la frase “trading range is your best friend" sia più vera!”.

Stucchi prendendo in esame cinque anni (2012-2016) di storico di candele sul DAX Future a time frame H1 e dopo aver analizzato il comportamento delle candele successive ad una candela verde (possiamo fare lo stesso ragionamento per la candele successive alle candele rosse) pari a 17.736 candele ha scoperto che 9.095 sono state verdi (51.3%). Sommando il numero di punti d’indice che, dopo ad una candela verde, la successiva candela ha sviluppato sopra o sotto il massimo della candela precedente, 235.760 punti sono stati sviluppati sotto al massimo delle candele verdi precedenti e solamente 97.336 sopra al massimo delle precedenti candele verdi. Se anziché considerare il massimo della candela precedente il calcolo fosse stato fatto partendo dalla chiusura della candela precedente, in questo caso le cose tendono a riequilibrarsi nonostante permanga ancora un vantaggio a favore del numero di punti sviluppati al di sotto del close di una precedente candela verde rispetto al numero di punti sviluppati al di sopra con 10.580 punti di differenza.

Io non sono in grado di fare lo stesso test sul nostro indice o su altri importanti indici mondiali, ma sono certo che il concetto non cambierebbe: i mercati azionari, almeno quelli delle economie più mature, passano la maggior parte del loro tempo in fasi di congestione di prezzi.

Eppure, capita sovente di sentir parlare - o leggere - trader sognatori di indici che prima o poi arriveranno ai livelli doppi degli attuali, o, ancor più spesso, di crolli imminenti con gli stessi pronti a toccare minimi impensabili!

Meglio però riporre velocemente i sogni nel cassetto, lunedì riapriranno i mercati. Le idee che ci eravamo fatte verranno smentite e subito dopo le aperture si tornerà alla realtà! Non si sognerà più e si cercherà di portare a casa qualche briciola che cadrà dai mercati, torneremo più seri e pragmatici! L’operatività si svincolerà completamente da quello che erano i sogni, non ce ne fregherà più niente ed ognuno con il suo metodo proverà a grattare qualcosa, conscio che “l’insacco è sempre dietro l’angolo”!

Se vogliamo analizzare la situazione dei mercati azionari, bisogna cercare di capire le cause che stanno determinando l’attuale NO trend!

Da una parte le politiche monetarie ultra-espansive, ovvero una quantità enorme di liquidità che viene emessa dalle banche centrali senza tregua di continuità, che comprime i rendimenti dei bond fino a livello negativo, tanto da indurre i risparmiatori alla ricerca di rendimenti su asset più rischiosi. Dall’altra, alle incertezze pandemiche si aggiungono quelle delle presidenziali USA, ciliegina sulla torta: Trump positivo!

Inoltre, i prezzi delle azioni sono storicamente elevati - gli utili delle aziende USA sono costantemente in calo – pur essendo gli indici USA quasi sui massimi. Se si esclude il caso Italia, anche gli indici più importanti del nostro continente non sono distanti dai massimi assoluti.

In tale situazione come è possibile pensare ad una direzionalità importante dei listini?

Questa benedetta direzionalità per almeno un po’ di tempo io non la cercherei, chi vivrà vedrà!

 

 

 

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER


CLICCA QUI PER ISCRIVERTI

24/11/2020 02:43:53

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori