SOIA: Un mercato reattivo alla trade war USA-Cina

SOIA: Un mercato reattivo alla trade war USA-Cina

martedì 3 dicembre 2019 da FOL

Il future della Soia da inizio anno è rimasto praticamente invariato, ma in realtà la commodity ha subito nel corso del 2019 variazioni di prezzo molto importanti a causa della Trade War.

Future al test degli 880 centesimi

Il future della Soia da inizio anno è rimasto praticamente invariato a circa 900 centesimi per bushel*. Questo però non deve far pensare ad un mercato poco interessante, poiché in realtà la commodity ha subito nel corso del 2019 variazioni di prezzo molto importanti. Il comportamento del future è la combinazione di due elementi: le tensioni commerciali tra Stati Uniti e Cina e il forte deficit che caratterizza questo mercato. Elementi che rendono la soia una commodity molto reattiva alle notizie. Partiamo da alcune considerazioni che ci aiutano a contestualizzare questo mercato. Il primo consumatore al mondo è la Cina con 102 milioni di tonnellate* stimate nella stagione 2019-2020 (il 30%* del consumo mondiale), Paese che è in forte deficit sul mercato domestico e importa circa l’85%* dei consumi (85 milioni*). Un mercato dunque molto importante per la soia. Tra i produttori invece gli USA sono al primo posto, con un output di 96,6 milioni* stimato per questa stagione, il 30%* della produzione globale.

Come noto, la trade war ha avuto tra gli effetti quello di generare una riduzione delle importazioni cinesi dagli USA, costringendo i produttori americani a ridurre l’output. Infatti, se confrontiamo i dati con la stagione 2018- 2019, notiamo che l’offerta americana è calata del 20%* (da 120,5 milioni* ai 96,6 attuali*). Dinamica che ha generato, a livello globale, un assottigliamento del rapporto scorte su consumi, essendo anche la domanda leggermente cresciuta. Il rapporto domanda/stock infatti è passato dal 32%* dello scorso anno al 27%* (negli USA dal 41% al 21%*). Essendosi ridotto tale ratio, la reattività dei prezzi del future alle notizie relative alle tensioni USA-Cina è cresciuta parecchio. In tale contesto dunque, un eventuale risoluzione dei contrasti tra le parti avrebbe ripercussioni positive immediate sui prezzi della soia

*Fonte dati: Bloomberg Finance L.P. - "Investire in materie prime", di Maurizio Mazziero, Hoepli.

 

ANALISI TECNICA

Soia - 5 anni

Fonte: Bloomberg Finance L.P.

Il future della soia è sempre da monitorare, in quanto molto volatile e tecnico da tradare. Lo si denota per esempio dal movimento che ha caratterizzato i corsi da settembre 2018. I prezzi infatti, dopo un rialzo di diversi mesi lungo la trendline rialzista costruita sui minimi di settembre 2018 e marzo 2019, hanno rotto il supporto dinamico e accelerato al ribasso. Poi, a maggio di quest’anno, la soia ha invertito direzione per andare a testare la ex trend rialzista su citata e tornare verso 840 centesimi*. I prezzi ora si trovano su un supporto chiave di medio periodo collocato a 880 centesimi*. Un livello importante anche per la presenza della media mobile 200 periodi e la trendline rialzista costruita sui minimi di maggio e settembre 2019. Un segnale ribassista si avrà al break di tale livello, con target a 838 e 819 centesimi*. Al rialzo invece il rimbalzo sull’area di 880 e il superamento dei 900 centesimi*, dovrebbe garantire un rialzo verso 943 e 970 centesimi*.

  Soia - 1 anno

Fonte: Bloomberg Finance L.P.

 

ULTIMO PREZZO MEDIA MOBILE 5 GIORNI  MEDIA MOBILE 50 GIORNI  RSI 14 GIORNI  VAR. % 5 ANNI
875,75 882,30 912,55   29,83
-12,03

 

 

NON PERDERTI L'IDEA DI INVESTIMENTO! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER


CLICCA QUI PER ISCRIVERTI

26/01/2020 00.49.59

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori