Verso le Emissioni Zero

Verso le Emissioni Zero

venerdì 3 giugno 2022

Molti Paesi vogliono raggiungere la neutralità climatica entro il 2050. Tuttavia, per raggiungere l’obiettivo sono necessari enormi sforzi. È necessario investire molto nelle tecnologie e nelle infrastrutture per rendere possibile la transizione energetica. Questo apre molte opportunità per gli investitori. Soprattutto se si considera che l'interesse per gli investimenti sostenibili è aumentato negli ultimi anni.

 

Una tappa importante

Negli ultimi anni, temi come la decarbonizzazione e la protezione del clima e dell'ambiente sono stati sempre più al centro dell'attenzione, grazie all'interesse dei media per l'attivista svedese per il clima Greta Thunberg, al movimento Fridays for Future, all'accordo della comunità globale sugli obiettivi climatici a Parigi e alla crescente importanza delle energie rinnovabili. La riduzione delle emissioni di gas serra ha recentemente dovuto cedere il passo ad altre tematiche. Tuttavia, questo non significa che la ricerca di mezzi per raggiungere la neutralità climatica e ridurre le emissioni di CO2 si sia fermata. La Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici tenutasi a Parigi nel dicembre 2015 ha segnato una svolta.

197 Stati hanno concordato un nuovo accordo globale per la protezione del clima. L'accordo è entrato in vigore il 4 novembre 2016, una volta ratificato dai 55 Stati che emettono almeno il 55% dei gas serra globali. Gli obiettivi includono la limitazione del riscaldamento globale al di sotto dei 2 gradi Celsius rispetto all'era preindustriale. Allo stesso tempo, però, occorre impegnarsi per limitarlo a 1,5 gradi Celsius. La capacità di adattamento ai cambiamenti climatici deve essere rafforzata ed è considerata un obiettivo di pari importanza rispetto alla riduzione delle emissioni di gas serra, mentre il flusso di risorse finanziarie deve essere allineato agli obiettivi climatici.

Neutralità climatica entro il 2050

Il contributo da dare alla riduzione delle emissioni di gas serra è inizialmente determinato individualmente da ogni Stato e ogni cinque anni viene effettuato un bilancio. I contributi nazionali per la protezione del clima devono essere aggiornati e aumentati ogni cinque anni a partire dal 2025. Si tratta del cosiddetto meccanismo di ambizione. I Paesi in via di sviluppo sono sostenuti nella mitigazione e nell'adattamento dai Paesi industrializzati attraverso lo sviluppo e il trasferimento di tecnologie, lo sviluppo di capacità e l'assistenza finanziaria. L'Unione Europea vuole essere neutrale dal punto di vista climatico entro il 2050. Già entro il 2030 si dovrà risparmiare il 55% dei gas serra rispetto ai livelli del 1990. La legge sul cambiamento climatico dell'UE stabilisce per la prima volta questi obiettivi sotto forma di legge. Parte della legge includerà, ad esempio, un inasprimento dell'attuale sistema di scambio di emissioni dell'UE. Finora vi hanno partecipato le aziende energetiche, l'industria ad alta intensità energetica e parte dell'aviazione, mentre i limiti massimi per le emissioni totali dei singoli settori economici sono stati abbassati ogni anno.

In futuro l'aviazione non riceverà più certificati di emissione gratuiti e anche il trasporto marittimo dovrà partecipare allo scambio di certificati di emissione. A partire dal 2026, lo scambio di certificati di emissione sarà esteso agli edifici e ai trasporti. Nel settore dei trasporti sono previsti anche standard di emissione di CO2 più severi per le autovetture e i veicoli commerciali leggeri. Infine, a partire dal 2035, sarà possibile immatricolare solo auto ad emissioni zero. Tuttavia, affinché i veicoli elettrici a batteria abbiano una possibilità, è necessario ampliare l'infrastruttura di ricarica. Sulle strade principali verranno costruite stazioni di rifornimento e di ricarica ogni 60 chilometri per le auto elettriche e ogni 150 chilometri per i veicoli a idrogeno. Un altro mezzo è una tassa di frontiera sul CO2 su alcune importazioni. In questo modo, le emissioni di CO2 non saranno trasferite ad altri Paesi, mentre le aziende europee dovranno rimanere competitive.

Inoltre, le energie rinnovabili devono essere ampliate e l'efficienza energetica aumentata. Proprio come l'UE, anche la Svizzera ha l’obiettivo di non emettere più gas serra entro il 2050. Il Consiglio federale (Bundesrat) ha adottato questo obiettivo nel 2019. Il 27 gennaio 2021 ha adottato la relativa "Strategia climatica a lungo termine della Svizzera". Questo stabilisce le linee guida per la politica climatica fino al 2050 e gli obiettivi strategici per i vari settori. Ad esempio, i gas serra devono essere ridotti del 50% entro il 2030. Tuttavia, il fatto che la Svizzera sia riuscita a ridurre le emissioni di gas serra del 19% tra il 1990 e il 2020 dimostra che tali obiettivi non sempre vengono raggiunti. È stata prevista una riduzione del 20% e c'è ancora un po' di tempo fino al 2050 per recuperare questo stretto divario.

L'energia a carbone alimenta la ripresa economica

Tuttavia, i recenti sviluppi dimostrano anche la necessità di agire. Il COVID-19 ha avuto un enorme impatto negativo sullo sviluppo economico in molte parti del mondo. Fasi di tale recessione economica danno sempre una sorta di respiro al nostro pianeta. Ciò è già stato osservato a seguito della crisi finanziaria globale del 2007/2008. L'ultima tregua, tuttavia, non è stata particolarmente lunga. Già nel 2021 le emissioni globali di CO2 non solo sono tornate al livello pre-crisi, ma è stato raggiunto addirittura un nuovo livello record. Secondo le statistiche dell'Agenzia Internazionale dell'Energia (AIE), l'anno scorso le emissioni di CO2 legate all'energia sono state pari a 36,3 miliardi di tonnellate. In questo caso, per energia si intendono le emissioni derivanti dalla combustione di energia e dai processi industriali.

L'aumento rispetto al 2020 è stato di quasi 2,1 gigatonnellate, pari a circa il 6%. Nel 2020, le emissioni si sono ridotte del 5,2%, pari a circa 1,9 gigatonnellate, rispetto al 2019. Tuttavia, secondo l'AIE, i programmi di vaccinazione e le ampie misure di sostegno da parte di molti governi hanno garantito una rapida ripresa economica e quindi anche una ripresa delle emissioni di CO2. Il rapporto indica anche alcuni effetti indesiderati, come rari fenomeni meteorologici, che hanno portato a una combustione insolitamente elevata di carbone, mentre allo stesso tempo è stata generata più energia da fonti rinnovabili che mai. Nel 2021, il carbone è stato responsabile di oltre il 40% della crescita delle emissioni di CO2. Le sue emissioni sono state di 15,3 gigatonnellate, secondo l'AIE.

Opportunità per la produzione di energia alternativa

Per quanto riguarda le maggiori emissioni, il settore della produzione di energia elettrica è in testa alla classifica. Questo è stato responsabile di circa 14,6 gigatonnellate di emissioni di CO2 nel 2021. In particolare, si è registrato un forte aumento in Cina. Sarebbe quindi vantaggioso affidarsi alle fonti di energia rinnovabile, soprattutto nel settore della generazione di elettricità, dato che la ripresa economica ha portato soprattutto a un aumento della domanda di elettricità. Mentre il PIL cinese è cresciuto di oltre l'8% nel 2021, la domanda di elettricità nella seconda economia mondiale è aumentata di circa il 10%. Allo stesso tempo, circa il 56% di questo aumento è stato coperto con l'aiuto dell'energia derivante dal carbone.

Nonostante la popolarità delle centrali elettriche a carbone, ci sono stati anche alcuni sviluppi incoraggianti nel settore delle energie rinnovabili. Secondo l'AIE, nel 2021 le energie rinnovabili e l'energia nucleare insieme hanno raggiunto una quota di produzione di elettricità superiore a quella del carbone. La produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili sarebbe così arrivata ad un nuovo livello record di oltre 8`000 terawattora (TWh), corrispondente a un aumento di circa 500 TWh rispetto al 2020. L'eolico e il solare avrebbero contribuito a un aumento rispettivamente di 270 e 170 TWh, mentre la produzione di energia elettrica da fonte idroelettrica sarebbe diminuita di 15 TWh a causa della siccità negli Stati Uniti e in Brasile. In futuro, si prevede che una quota crescente di elettricità sarà generata con l'aiuto di fonti rinnovabili.

Le energie rinnovabili dovrebbero svolgere un ruolo sempre più importante anche in altri settori, come la fornitura di calore. Ad esempio, secondo le stime di Market Research Future (MRFR), il mercato globale delle energie rinnovabili dovrebbe crescere in media di circa l'8,5%, raggiungendo circa 2,9 trilioni di dollari entro il 2027. Questo aumento dovrebbe essere accompagnato da una crescita altrettanto rapida della capacità installata. Secondo Mordor Intelligence, nel 2020 la cifra era di circa 2.867 gigawatt (GW) e si prevedeva che entro il 2027 avrebbe raggiunto un livello di circa 4.800 GW, che corrisponderebbe a un tasso di crescita medio annuo del 7,6% tra il 2022 e il 2027.

 

Vontobel Green Energy Strategy Index

Affinché il mondo possa passare alle energie rinnovabili e raggiungere gli ambiziosi obiettivi climatici, sono necessari enormi investimenti sia da parte dei governi che del settore privato. L'elettricità prodotta dall'energia eolica e solare, così come dall'energia idroelettrica, è destinata ad acquisire ulteriore importanza in futuro. Di conseguenza, sono richiesti anche i fornitori di attrezzature necessarie, come i rotori per le turbine eoliche. Inoltre, è necessario fornire le infrastrutture corrispondenti. Per molto tempo, la Germania è stata considerata un Paese modello per quanto riguarda le energie rinnovabili con un’espansione che è progredita rapidamente grazie a lauti sussidi statali. Tuttavia, le reti elettriche non sono sempre state preparate per l'energia eolica e solare.

Si sta ancora cercando di espandere le reti elettriche in modo che l'elettricità generata con l'aiuto dell'energia eolica possa essere trasportata dal ventoso nord della Repubblica ai centri industriali del sud. Tuttavia, questo è solo uno dei problemi da risolvere nel corso della transizione energetica. Pertanto, anche i campi di attività per gli operatori del settore sono numerosi. Grazie al Vontobel Green Energy Strategy gli investitori hanno la possibilità di investire in questo trend. L’indice è composto da società che si occupano di generazione di energia eolica, solare, idroelettrica e celle a combustibile. Sono inclusi anche i relativi fornitori e le aziende che rendono possibile l'infrastruttura.

Le società selezionate sono divise in sei categorie: solare, eolico, idroelettrico, idrogeno, società di infrastrutture e fornitori. Le diverse compagnie possono provenire sia dalle economie sviluppate che dai mercati emergenti. Le aziende devono generare gran parte dei loro ricavi dalla produzione di energia da fonti rinnovabili o da prodotti e servizi correlati. Sono escluse le società che generano una parte significativa dei loro ricavi utilizzando carbone o combustibili fossili e un rating MSCI ESG inferiore a "BB" comporta l’esclusione. Le società ammissibili vengono selezionate dalle rispettive categorie in base alla capitalizzazione di mercato. Infine, si tiene conto anche della liquidità: Le rispettive azioni devono essere negoziabili in modo tale da consentire l'adeguamento dell'indice in tempi ragionevoli.

Altri punti di partenza

Nell'ambito della transizione energetica, le energie rinnovabili non sono l'unica leva utilizzabile. Di conseguenza, anche gli investimenti sostenibili si occupano di un campo molto più ampio. Le tecnologie di stoccaggio, ad esempio, sono indispensabili per il successo della transizione energetica. È necessario sviluppare tecnologie che rendano utilizzabile l'elettricità generata con l'energia solare anche di notte o nelle giornate nuvolose. Allo stesso modo, l'elettricità generata dall'energia eolica può essere utilizzata nei giorni in cui il vento è scarso. Tuttavia, l'umanità non deve solo pensare a come attingere a fonti energetiche sostenibili. Esistono inoltre enormi opportunità nel campo del risparmio energetico e delle risorse.

Negli ultimi anni, i consumatori hanno potuto constatare gli effetti positivi che l'efficienza energetica può avere non solo sull'ambiente, ma anche sul portafoglio, ad esempio con l'aiuto di frigoriferi o lavatrici più efficienti sulla bolletta dell'elettricità. Il tema dell'efficienza energetica non si ferma qui. L'Agenzia Federale per l'Ambiente, ad esempio, ha individuato un potenziale di risparmio del 10% del consumo finale di energia in Germania, da circa 8.750 petajoule nel 2014 a circa 7.910 petajoule nel 2035. Con ulteriori sforzi in tutti i settori, il consumo finale di energia potrebbe addirittura diminuire del 27%, arrivando a circa 6.380 petajoule. Per questo sono necessari prodotti e metodi di produzione più efficienti, ma anche cambiamenti nel comportamento dei consumatori.

La nostra società consumistica ha incoraggiato in passato lo spreco dei beni. È sorto un problema importante anche per quanto riguarda la plastica, poiché la natura non è in grado di scomporre questo materiale. Pertanto, il cambiamento verso un'economia circolare in cui sempre più beni vengono riciclati sarà una parte importante della protezione dell'ambiente e del clima in futuro. Soprattutto perché il successo della transizione energetica e della protezione del clima e dell'ambiente è già oggi una questione di sopravvivenza per molte persone. Questo si può notare, ad esempio, quando si tratta di un approvvigionamento idrico sostenibile. La popolazione mondiale sta crescendo, mentre molte persone stanno già lottando con la scarsità d'acqua. Il Vontobel Green Technology Strategy Index è dedicato a questi temi.

Vontobel Green Technology Strategy Index

Il Vontobel Green Technology Strategy Index si concentra sulle aziende che forniscono soluzioni o tecnologie per affrontare sfide importanti nel campo della protezione dell'ambiente e del clima. Questo include, ad esempio, il passaggio a un'economia a basse emissioni. L'attenzione è rivolta alla produzione di energia da fonti rinnovabili (eolica, solare, idroelettrica), alle tecnologie di stoccaggio, ma anche a prodotti e servizi per aumentare l'efficienza energetica o ridurre l'inquinamento atmosferico e ambientale. Altrettanto importanti sono le società che offrono prodotti e servizi per affrontare la scarsità di risorse, come nel caso dell'approvvigionamento di acqua potabile.

Inoltre, l’indice considera le società che si impegnano per l'agricoltura e l'approvvigionamento alimentare con metodi sostenibili e biologici. Una parte importante dell'indice è costituita dalle aree dell'economia circolare e del riciclaggio. Le categorie dell'indice comprendono le energie rinnovabili, l'efficienza energetica, l'economia circolare, la prevenzione dell'inquinamento e l'agricoltura sostenibile. Inoltre, ci sono aziende che si impegnano fortemente per un approvvigionamento idrico sostenibile. Per identificare le aree in questione, si fa riferimento, ad esempio, a standard internazionali come il Global Compact delle Nazioni Unite. Sono invece escluse le società che si occupano di argomenti controversi come le armi o le attività carbonifere.

È inoltre richiesto un rating MSCI ESG di almeno "BB". Vengono fissati requisiti minimi per la negoziabilità dei titoli dell'indice, tra l'altro in vista di adeguamenti dell'indice. Il Vontobel Green Technology Strategy Index mira a soddisfare la tassonomia UE sugli investimenti sostenibili per almeno il 30%. La tassonomia dell'UE ha lo scopo di guidare gli investimenti privati in attività necessarie per raggiungere la neutralità climatica. Il documento vuole essere anche una sorta di strumento di orientamento per individuare gli investimenti sostenibili. All'inizio dell'indice, la conformità con la tassonomia dell'UE dovrebbe essere di poco inferiore al 74%.

 

Rischi

Rischio emittente: gli investitori nei certificati sono esposti al rischio che l'emittente o il garante non sia in grado di adempiere ai suoi obblighi ai sensi del certificato. È possibile una perdita totale del capitale investito. Essendo un titolo di debito, i certificati non sono soggetti alla protezione dei depositi.

Rischi di mercato / rischi di variazione dei prezzi: Il valore dei prodotti può anche essere significativamente inferiore al prezzo di acquisto durante la durata a causa dei fattori che determinano il prezzo di mercato, soprattutto se il valore del sottostante o il valore di riferimento scende. Non c'è protezione del capitale per gli Strategic Certificate.

Rischio cambio: poiché la valuta dell'indice sottostante è il dollaro USA e l'indice contiene azioni e titoli quotati in valute diverse dall'euro (ad es. dollari USA), il valore del certificato dipende anche dal tasso di cambio tra la rispettiva valuta estera (ad es. dollari USA) e l'euro (valuta del certificato). Di conseguenza, il valore del certificato (in euro) può fluttuare notevolmente nel corso della durata.

Il presente documento non rappresenta né una consulenza d’investimento né una raccomandazione di investimento di tipo finanziario, contabile, legale o altro o di strategia d’investimento, ma una pubblicità. Eventuali informazioni complete sugli strumenti finanziari, compresi i rischi, sono descritti nel rispettivo prospetto di base, unitamente ad eventuali supplementi, nonché nelle rispettive Condizioni Definitive. Il rispettivo prospetto di base e le Condizioni Definitive costituiscono gli unici documenti di vendita vincolanti per gli strumenti finanziari. Si raccomanda ai potenziali investitori di leggere attentamente tali documenti prima di effettuare qualsiasi decisione di investimento, al fine di comprendere appieno i rischi e i vantaggi potenziali derivanti dalla decisione di investire negli strumenti finanziari. Gli investitori possono scaricare questi documenti e il documento contenente le informazioni chiave (KID) dal sito internet dell’emittente, Vontobel Financial Products GmbH, Bockenheimer Landstrasse 24, 60323 Francoforte sul Meno, Germania, su “http:// prospectus.vontobel.com/”. Inoltre, il prospetto di base, gli eventuali supplementi al prospetto di base e le Condizioni Definitive sono disponibili gratuitamente presso l’emittente. L’approvazione del prospetto da parte dell’autorità di riferimento non deve essere considerata un parere favorevole sugli strumenti finanziari offerti o ammessi alla negoziazione in un mercato regolamentato. Gli strumenti finanziari sono prodotti non semplici e di difficile comprensione. Il presente documento contiene un’indicazione dei rendimenti passati degli strumenti finanziari. I rendimenti passati non sono un indicatore affidabile dei risultati futuri. Il presente documento e le informazioni in esso contenute possono essere distribuiti o pubblicati solo nei paesi in cui tale distribuzione o pubblicazione è consentita dalla legge applicabile. Come indicato nel relativo prospetto di base, la distribuzione degli strumenti finanziari menzionati in queste informazioni è soggetta a restrizioni in alcune giurisdizioni. Questo messaggio pubblicitario non può essere riprodotto o ridistribuito senza previa autorizzazione dell’editore. © 2022 Bank Vontobel Europe AG e/o le sue affiliate. Tutti i diritti riservati.

05/07/2022 05:18:49

 

Aggiungi un commento

 

  

 

  

 

* Riempire I campi obbligatori