Weekly Note: dati macro USA spingono ottimismo investitori

Weekly Note: dati macro USA spingono ottimismo investitori

giovedì 8 aprile 2021

  • Scarica il PDF della Weekly Note - Settimana 08/04 - 14/04
  • Continuano gli acquisti sui principali indici di Borsa a livello globale, con i listini americani e quello tedesco che hanno raggiunto nuovi top storici. A guidare la positività degli investitori sono diversi elementi, in particolare gli ottimi dati macro USA. Gli operatori non sembrano preoccupati dal fatto che l’economia americana stia migliorando costantemente con maggiori rischi in merito alla ripartenza dell’inflazione. Ad aiutare la corsa economica degli USA è anche il nuovo piano infrastrutturale del Presidente Joe Biden da 2.250 miliardi di dollari, in attesa di approvazione dal Congresso, che verrà finanziato con un incremento della tassazione alle aziende che secondo gli analisti potrebbe costare alle società dell’S&P 500 un decimo dell’utile medio per azione. In merito alla pressione fiscale, il Segretario al Tesoro USA Janet Yellen ha dichiarato che è necessaria un’imposta armonizzata sulle società a livello globale per evitare che le compagnie escano dai confini per ragioni meramente fiscali. A fornire ulteriore ottimsmo è anche l’FMI, che ha migliorato le stime di crescita globale dal 5,5% al 6%, sostenendo che l’uscita dalla crisi è sempre più visibile.

    Alcune incertezze derivano dalla gestione dei vaccini, che varia per ogni Paese. Sul fronte delle materie prime, i prezzi del petrolio WTI si mantengono al di sotto dei 60 dollari al barile dopo che l’OPEC+ ha deciso di alzare la produzione gradualmente tra maggio e luglio 2021, evidenziando un certo ottimismo sulla ripartenza della domanda grazie ai vaccini e agli stimoli all’economia. A dare maggior forza all’offerta sono anche le notizie in merito alla possibile rimozione delle sanzioni all’Iran che frenano le esportazioni di materia prima del Paese. Guardando alle vaccinazioni, è da evidenziare come USA e Regno Unito continuino a correre nelle immunizzazioni, mentre l’Europa resta indietro e si trova costretta a mitigare l’avanzata dei contagi con nuovi lockdown allargando il gap con le altre principali economie.

    AGENDA MACRO

    Data
    Appuntamenti in calendario
    Giovedì 08/04 Verranno pubblicati gli ordini di fabbrica tedeschi di febbraio e i verbali dell’ultima riunione della BCE. Nel pomeriggio focus alle richieste di sussidio di disoccupazione statunitensi e al discorso del Presidente della Fed Jerome Powell al forum dell’FMI.
    Venerdì 09/04 Attenzione alla produzione industriale tedesca e alle vendite al dettaglio italiane di febbraio. Attenzione anche all’indice dei prezzi alla produzione USA di marzo.
    Lunedì 12/04
    Saranno pubblicate le vendite al dettaglio dell’Eurozona di febbraio..
    Martedì 13/04 Sarà pubblicata la produzione industriale, manifatturiera e il PIL inglese di febbraio. Il focus sarà poi relativo alla produzione industriale italiana e agli indici ZEW tedeschi e dell’Eurozona di aprile. Nel pomeriggio verrà resa nota l’inflazione USA di marzo e l’indice di ottimismo elaborato dalla NFIB (marzo).
    Mercoledì 14/04 Focus sulla produzione industriale dell’Eurozona di febbraio, sulle scorte di petrolio USA e sulla pubblicazione del Beige Book della Fed.

     

     

     

    Focus: settore e-sports

    E-sport in evidenza anche nel post-Covid

    Con la pandemia di Covid-19 il settore del gaming è stato uno di quelli che ha beneficiato di un vero e proprio boom grazie alle restrizioni alla libertà di movimento. Ad aver approfittato di questo elemento sono gli e-sports, con sempre più persone che si sono appassionate a guardare le attività sportive virtuali quando quelle reali non erano permesse. Solo questo segmento coinvolge oltre 400 milioni di persone e ha un giro d’affari proiettato a 1,5 miliardi di dollari nel 2023. In questo quadro potrebbe essere interessante il Certificato Express Memory Cash Collect di Vontobel con ISIN DE000VQ429F6 e sottostante un basket composto dalle azioni Activision Blizzard, UBISOFT Entertainment ed Electronic Arts. Con questo Certificate si può ottenere una cedola trimestrale di 1,86 euro condizionata al fatto che, alle varie date di valutazione intermedie, il prezzo dei titoli sia uguale o superiore alla rispettiva Soglia Bonus. Il Certificate beneficia dell’Opzione Memoria, che consente all’investitore di incassare successivamente i premi non pagati, e dell’Opzione Autocallable, che prevede la scadenza anticipata se alle date trimestrali di rilevazione il sottostante quota come o più del Livello di Rimborso. A scadenza (23 agosto 2022), se i sottostanti quoteranno ad un prezzo superiore a quello dello Strike, l’investitore otterrà il valore nominale del prodotto, oltre al premio del periodo e a quelli eventualmente conservati in memoria. Al contrario, se i sottostanti avranno un prezzo pari o inferiore allo Strike, il Certificato replicherà la performance del Worst of.

    Fonte paragrafo: Vontobel

     

    Dai fatti agli effetti

     

    Tesla: ripresa a Wall Street con piano Biden

    Il fatto
    Nuovo record per Tesla, che nel primo trimestre del 2021 ha consegnato 184.800 automobili, più del doppio rispetto al medesimo periodo del 2020 e superiore anche al precedente massimo storico archiviato nel quarto trimestre 2020 di 180.570 unità. A spingere il dato sono state in particolar modo le vendite della Model 3 e del suv Model Y, quest’ultimo particolarmente apprezzato in Cina. Secondo Elon Musk, nell’anno in corso l’azienda potrebbe vendere 1 milione di veicoli, oltre il doppio rispetto al 2020. Per il 2030 il target di produzione dovrebbe invece arrivare a 20 milioni di auto anche grazie allo stabilimento in Germania, capace di fabbricare mezzo milione di automobili l’anno, di quello in Texas e in California.
    L'Effetto
    I dati in merito al nuovo record di vendite da parte di Tesla ha fatto rialzare la testa al titolo a Wall Street, che nella prima parte dell’anno ha subito una forte contrazione a causa della carenza di semiconduttori, essenziali nella produzione di veicoli elettrici che ne richiedono circa 15 volte in più rispetto a quelli alimentati a combustibile fossile. Oltre a questo, il gruppo è penalizzato anche dall’incremento dei rendimenti che sta colpendo i titoli di Stato americani: aziende come quella guidata da Elon Musk questa dinamica è negativa perché si trova costretta a pagare di più per sostenere gli investimenti scontando flussi di cassa futuri a tassi più elevati. Le auto elettriche saranno sempre più al centro dell’attenzione nel prossimo futuro, in primis grazie alla spinta di numerosi Governi per l’utilità di questi veicoli nella riduzione delle emissioni: su questo punto vale la pena ricordare come nel piano infrastrutturale del Presidente USA Joe Biden siano dedicati 174 miliardi di dollari per tali automobili e per la produzione di 500.000 nuove colonnine di ricarica.

    Tesla - 1 anno

    Fonte: TradingView 

    Tesla - 5 anni
    Fonte: TradingView

     

    NON PERDERTI LA WEEKLY NOTE! PER ISCRIVERTI ALLA NEWSLETTER, CLICCA QUI

    06/05/2021 00:01:05

     

    Aggiungi un commento

     

      

     

      

     

    * Riempire I campi obbligatori